Il DECALOGO

Logo-don-Bosco-150x150Il nostro Decalogo
(Voi siete l’arco dal quale, come frecce vive, i vostri figli sono lanciati in avanti*)

Noi crediamo nei valori dello Sport. Ci siamo dati delle regole, e chiediamo a tutti di volerle rispettare.
Nasce così il nostro Decalogo. Eccolo…

DECALOGO DEL GENITORE “CAMPIONE” DI COMPORTAMENTO

  1. Lo sport (la Scuola Calcio) è un momento ricreativo: i genitori vigilino che lo sport venga praticato liberamente con tale intento e che sia solo fonte di piacere e sano divertimento. Nel seguire i propri figli “mettano in campo” la stessa SERENITA’ che essi manifestano nel giocare e divertirsi.
  2.  Lo sport (la Scuola Calcio) è palestra della vita da adulto: sviluppa la sicurezza in sé, l’autostima e la socialità del bambino. I genitori non facciano mai mancare il loro incitamento e incoraggiamento ma evitino di intervenire con suggerimenti e critiche durante gli allenamenti e le gare. Si adoperino per sviluppare nei figli il senso del RISPETTO per gli avversari, per le figure di guida e per i compagni di squadra meno dotati.
  3.  Lo sport (la Scuola Calcio) non è mai una situazione da “ultima spiaggia”: la sua immagine non può essere legata solo al concetto di VITTORIA, ma ai benefici fisici e comportamentali che apporta. Dopo una gara o un allenamento i genitori si curino solo di chiedere se i figli si sono divertiti, evitando critiche al singolo, alla squadra o all’allenatore in caso di sconfitta o atteggiamenti di esaltazioni eccessive in caso di vittoria.
  4.  Lo sport (la Scuola Calcio) non è solitario: a calcio si gioca tutti insieme, non da soli. Gli obiettivi non sono del singolo ma di tutta la squadra. La vera realtà è il GRUPPO, dove tutti sono egualmente considerati, ma nessuno è indispensabile. Tutto l’opposto di ciò che pensa il genitore “attaccato alla rete”, che si intrufola nello spogliatoio, che urla ciò che si deve o non si deve fare e che vorrebbe un solo protagonista in campo: il proprio bambino!
  5. Ogni sport (la Scuola Calcio) deve avere una casa: la ASD DON BOSCO NULVI è la nostra casa. Sulla scia dell’insegnamento lasciatoci dal Santo lo sport che si pratica in questa casa deve privilegiare la valenza aggregatrice su quella competitiva. Siamo orgogliosi di farne parte e adoperiamoci per farne un gruppo di amici. Le associazioni sportive però hanno caratteristiche e vantaggi specifici rispetto ai gruppi di amici. Sono organizzazioni con REGOLE, anche se flessibili, sostenute da un’autorità (organizzatore, allenatore etc.). Questo fa si che nella nostra Casa regni l’ordine e non l’anarchia.
  6. Lo sport (la Scuola Calcio) insegna ad apprendere il valore delle regole e del loro rispetto. Per i ragazzi è l’occasione di un rapporto serio con il mondo delle REGOLE, della valutazione di ciò che è giusto e ingiusto e della correttezza dei comportamenti sociali. I genitori si adoperino a infondere nei figli il concetto di AUTORITA’, indispensabile a garantire il rispetto di tali regole. Si astengano essi per primi da comportamenti diseducativi e denuncino alla società il loro verificarsi.
  7. Lo sport (la Scuola Calcio) necessita di una guida: l’istruttore e l’allenatore sono figure fondamentali di guida. Non solo per sviluppare abilità nei bambini, ma anche perché rappresentano una AUTORITA’ EDUCATIVA: – FORTE (le sue richieste non si discutono!) – NON INVASIVA (non pretende di dettare legge al di fuori del suo campo) – VICINA (è interessato all’attività che interessa il bambino) – MODELLO DI RIFERIMENTO (è bravo, sa fare lui stesso al meglio le cose che chiede al bambino) Il genitore che muove critiche al tecnico tende solo a disorientare il proprio figlio e indurlo prima o poi a imitarlo.
  8. Lo sport (la Scuola Calcio) non ha solo regole di gioco, ma anche quelle legate all’organizzazione quotidiana: tempi e puntualità degli allenamenti e degli incontri, buona custodia e rispetto delle attrezzature in uso alle squadre, uso appropriato dell’abbigliamento etc. I genitori si adoperino affinché anche queste regole spesso disattese, sia in casa che nella vita comune dei ragazzi, trovino qui un’occasione in più per essere applicate. Numerose ricerche dimostrano un nesso tra rispetto di tali regole e sviluppo del giudizio morale nei comportamenti più generali dei bambini.
  9. Lo sport (la Scuola Calcio) non è un’occasione di RIVINCITA sulla vita da parte dei genitori dei piccoli calciatori. Lo sport è un obiettivo educativo, non uno strumento per raggiungere uno “status” di ricchezza, fama, successo, donne, automobili, trasgressione. I genitori evitino di caricare i propri figli di responsabilità e di fantastiche aspettative sul loro futuro e di proiettare sullo sport che essi praticano qualche loro personale e irrealizzata ambizione. Chi pratica sport solo per imitare i campioni e diventare come loro, è più esposto all’abbandono precoce di ogni attività sportiva (rivedere “al ribasso” le proprie aspirazioni!).
  10. Lo sport, come noi, non può fare a meno dei nostri figli. Ma i figli non sono né dello sport né nostri.

 

A cura di Nino Tedde (Presidente ASD Don Bosco)

NULVI 11-11-2010

*I vostri figli

I vostri figli non sono figli vostri… sono i figli e le figlie della forza stessa della Vita.
Nascono per mezzo di voi, ma non da voi.
Dimorano con voi, tuttavia non vi appartengono.
Potete dar loro il vostro amore, ma non le vostre idee.
Potete dare una casa al loro corpo, ma non alla loro anima, perchè la loro anima abita la casa dell’avvenire che voi non potete visitare nemmeno nei vostri sogni.
Potete sforzarvi di tenere il loro passo, ma non pretendere di renderli simili a voi, perchè la vita non torna indietro, né può fermarsi a ieri.
Voi siete l’arco dal quale, come frecce vive, i vostri figli sono lanciati in avanti.
L’Arciere mira al bersaglio sul sentiero dell’infinito e vi tiene tesi con tutto il suoi vigore affinché le sue frecce possano andare veloci e lontane.
Lasciatevi tendere con gioia nelle mani dell’Arciere, poiché egli ama in egual misura e le frecce che volano e l’arco che rimane saldo.

Kahlil Gibran

 

 

Sito ufficiale della Don Bosco Nulvi - Centro Formazione Calcio | Progetto "Don Bosco Anglona" #WeAreDonBoscoNulvi #IBambiniNonGuidano